Walk on

anche io sono stata a sentire gli U2 ieri sera. con tutte le remore del caso: non sono più gli stessi, si sono venduti, non fanno più le canzoni di una volta… però c’era l’occasione…

comunque tra qualche canzone nuova e vecchi cavalli di battaglia, l’affondo del vecchio gruppo si è sentito.
e mi è venuto da chiedermi: quanti tra i 77 mila di san siro hanno capito che quella enorme scritta in caratteri arabi su campo verde era dedicata alla rivolta dell’iran democratico? in quanti si sono accorti, lassù al terzo anello, tra i mille cellulari e macchine fotografiche digitali, di quel gruppo di candele così fuori moda (non ci sono più neanche i bagliori degli accendini ai concerti) che ricordava quelle che illuminano i balconi di teheran per omaggiare i suoi morti?
in quanti sanno che esiste un iran democratico che lotta per essere riconosciuto? chi immagina che le donne sono protagoniste di questo tentativo di svolta?

il volto di un’altra donna diventa simbolo nel concerto. sfilano maschere con le sembianze di di Aung San Suu Kyi mentre il gruppo canta walk on. bono racconta la storia: questa volta il pubblico è costretto ad ascoltare per lo meno, anche se magari non riconosce.

noi viviamo nell’era berlusconi, tutti i 77 mila sicuramente sanno chi è noemi e che faccia ha.

grazie a chi cerca di tenere accesa l’attenzione, anche con tutte le sue contraddizioni.

walk on

And love is not the easy thing
The only baggage you can bring…
And love is not the easy thing…
The only baggage you can bring
Is all that you can’t leave behind

And if the darkness is to keep us apart
And if the daylight feels like it’s a long way off
And if your glass heart should crack
And for a second you turn back
Oh no, be strong

Walk on, walk on
What you got, they can’t steal it
No they can’t even feel it
Walk on, walk on
Stay safe tonight…

You’re packing a suitcase for a place none of us has been
A place that has to be believed to be seen
You could have flown away
A singing bird in an open cage
Who will only fly, only fly for freedom

Walk on, walk on
What you got they can’t deny it
Can’t sell it or buy it
Walk on, walk on
Stay safe tonight

And I know it aches
And your heart it breaks
And you can only take so much
Walk on, walk on

Home…hard to know what it is if you never had one
Home…I can’t say where it is but I know I’m going home
That’s where the heart is

I know it aches
How your heart it breaks
And you can only take so much
Walk on, walk on

Leave it behind
You’ve got to leave it behind
All that you fashion
All that you make
All that you build
All that you break
All that you measure
All that you steal
All this you can leave behind
All that you reason
All that you sense
All that you speak
All you dress up
All that you scheme…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: