Razzisti per principio

È un po’ che non vado a lavorare in bicicletta, da quando la mia povera vecchia catorcia ha deciso di rendere l’anima dell’unico freno funzionante, lasciandomi in balia della suola delle scarpe.

Ora in autobus ho il tempo di leggere, e solitamente riesco anche ad arrivare al lavoro e tornare a casa serena, senza litigare con automobilisti vari che cercano di asfaltarmi.
Stasera però mi sono arrabbiata.
Perché dobbiamo essere così razzisti per principio? Perché i controllori sperano che se sei di colore tu non abbia il biglietto? Perché si permettono di dirti “Stai zitto” se hai la pelle scura e con un sorriso assicuri che hai il biglietto, ma che ce l’ha il tuo amico, anche lui di colore, che sta parlando al telefono e che deve trovarlo, se magari può controllarlo al vicino mentre cerca… No, un bello “Stai zitto” in piena faccia non te lo leva nessuno.
E poi la delusione quando il biglietto c’è davvero e pure timbrato.
Peccato non abbia trovato un’alleata quando si è girata verso di me dicendo “Certo che questa gentaglia, ma chi si credono di essere per parlarmi a quel modo”. Il mio “Lei è una cafona ed evidentemente non solo non le hanno insegnato l’educazione, ma neanche a essere un normale individuo degno di intelletto” non deve esserle andato giù.
Peccato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: