Il lamento del bradipo è un libro corale a una voce sola. Leggendo, ci ritroviamo a mettere insieme un personaggio che in realtà sta andando in pezzi. Ogni frammento di scritto è un frammento di Andrew Whittaker che si stacca, noi lo raccogliamo e lo riponiamo da parte. E via così, fino a capire quale solco di solitudine c’è intorno a quest’uomo che si crede un grande scrittore. La cosa straordinaria di questo libro fatto di lettere, annunci, liste della spesa, è che la solitudine non pesa come un macigno, sorridiamo anche alle spalle del protagonista mentre il suo lamento cresce e cresce, si accumola sempre di più come gli scatoloni che invadono la casa. Soffoca tutto, perfino la percezione di sé; tanto che l’identità stessa di Andrew va in pezzi, e si ritrova a chiedere un consulto a un sé inventato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: